< Scrivi e Guadagna – Web Marketing News » Blog Archive Lavorazioni lamiere, tutto quello che c'è da sapere

Home » Un po' di tutto!

Lavorazioni lamiere, tutto quello che c’è da sapere

18 marzo 2020Autore: admin 199 views Nessun commento

Le lamiere non sono tutte uguali: una lamiera può infatti differire da un’altra per  qualità, per dimensioni per spessore, per tipologia e anche in base alla lavorazione alla quale è destinata.

A seconda delle caratteristiche di una lamiera (materiale, dimensioni, spessore) si può ottenere un prodotto piuttosto che un altro. È  molto affascinante vedere come da un semplice foglio di lamiera si possa arrivare, dopo tutta una serie di lavorazioni, all’oggetto finito.

In tal senso si può affermare che le  lavorazioni lamiere rientrano tra le  tipologie di lavorazione più  interessanti. Andiamo allora a scoprire tutto quello che c’è da sapere sulle lavorazioni lamiere.

Impiego delle lamiere

Le lamiere vengono classificate sulla base del materiale, della forma, del processo produttivo e dalla finitura superficiale.piegatura-lamiera-

Per quel che concerne l’impiego delle lamiere, lo stesso varia soprattutto in base al materiale con il quale le lamiere sono state realizzate. Quelle in alluminio e in acciaio sono largamente impiegate nelle costruzioni meccaniche, nella carpenteria metallica, ed in molteplici settori industriali. Le lamiere in rame sono utilizzate nella lattoneria, nel settore elettromeccanico ed elettrico.

Le lamiere in ottone sono sfruttate nell’idraulica, nell’orologeria, nella minuteria metallica, nell’oggettistica e nell’arredamento. Le lamiere in  in bronzo sono largamente impiegate nell’industria navale, petrolifera, chimica, alimentare etc

Come viene lavorata la lamiera

Per meglio comprendere come avviene la lavorazione e quindi la trasformazione in prodotto finito di una lamiera, dobbiamo immaginare una lastra derivata dalla laminazione di bramme, confezionata in rotoli chiamati coil di diverso spessore e di diversa lunghezza, in base alla destinazione d’uso. Il confezionamento in rotoli agevola anche il trasporto verso i lavi stabilimenti dove avverranno le lavorazioni.

Negli stabilimenti i coil, vengono spianati per annullarne la curvatura e poi, a seconda delle diverse destinazioni, le lamiere saranno appositamente tagliate in fogli.

Tipologie di lavorazione delle lamiere

La lavorazioni lamiere sono diverse, ma possono essere riassunte in: taglio, sagomatura, formatura, assemblaggi. Queste le principali, ma ce ne sono tante altre.

Abbiamo detto che le lavorazioni lamiere rientrano tra le tipologie di lavorazione più  interessanti, per capire il perché di questa affermazione è sufficiente osservare le lavorazioni di  sagomatura e di formatura che consentono di vedere il come al foglio di lamiera si trasforma in qualcosa di sagomato e di tridimensionale, una sorta di magia che permette di dare vita ad oggetti di uso quotidiano e non.

Il risultato che si ottiene  dalle lavorazioni è  il frutto di numerosi passaggi che vanno dalla aggraffatura alla bordatura, dalla cesoiatura alla curvatura, dalla foratura alla formatura incrementale, dalla fresatura alla idroformatura, dalla imbutitura alla laminazione.

Ma nelle lavorazioni lamiere rientrano anche la pressopiegatura, la profilatura, la punzonatura, la spianatura, lo stampaggio e lo stiramento, il taglio a getto abrasivo, il taglio a getto d’acqua abrasivo, il taglio al plasma e il taglio laser,  la tornitura in lastra e la tranciatura.

Ogni tipologia di lavorazione della lamiera richiede una tecnica specifica e operatori specializzati e anche precise caratteristiche della lamiera da lavorare. Vediamo di seguito le principali lavorazioni lamiere che possono essere eseguite .

Taglio laser

Il taglio laser delle lamiere è una procedura altamente efficace. La tecnologia laser è infatti estremamente precisa e  consente di ottenere un profilo tagliato in modo impeccabile: il taglio laser è nitido perché il raggio di luce che esegue il taglio non si usura e nessuna particella andrà a compromettere il materiale che viene tagliato. Veloce, precisa, affidabile e pulita, la tecnologia di taglio laser per le lamiere di metallo non richiede ulteriori lavori di rifinitura.

Punzonatura

La punzonatura è una tecnica che permette di imprimere sulle lamiere di metallo una forma o un segno specifici, attraverso  la pressione di uno specifico macchinario. È  una lavorazione che anticamente veniva utilizzata  nella produzione di monete e nella decorazione dei metalli.

Oggi la punzonatura delle lamiere è molto sfruttata nell’industria metallurgica perché consente di ottenere sagome complesse: la lamiera viene appoggiata su uno stampo e la pressione del punzone induce il taglio preciso secondo le linee desiderate.

Piegatura delle lamiere

Attraverso la  piegatura delle lamiere si ottiene una deformazione permanente del pezzo che viene sottoposto alla lavorazione. Si tratta di un tipo di lavorazione che si basa sulla proprietà di alcuni metalli di deformarsi senza allungarsi o contrarsi, grazie alla presenza al loro interno di una particolare fibra neutra. Sono note diverse tecniche che vengono oggi utilizzate per la piegatura delle lamiere ma tutte devono essere eseguite dopo un’accurata valutazione del metallo con cui si ha a che fare che deve essere sufficientemente plastico da non rischiare di rompersi in prossimità della piega.

Saldatura lamiere

Il processo di  saldatura si basa sull’unione di due o più parti insieme. La saldatura delle lamiere è infatti la tecnica impiegata per unire due lamiere di metallo tra di loro. Occorre tenere presenti diversi fattori quando si sceglie che tipo di saldatura eseguire: la tipologia di metalli e lo spessore delle lamiere rappresentano i fattori principali da considerare.

È proprio in base a queste variabili che le lamiere vengono posizionate in modo diverso a seconda dell’obiettivo finale e la saldatura può essere poi più o meno rifinita.

Taglio ad acqua

Il taglio ad acqua è una particolare lavorazione delle lamiere recentemente introdotta nel settore. Si basa sull’impiego di un getto di acqua ad altissima pressione, fino a 7000 bar, per tagliare diversi materiali, tra cui anche le lamiere di metallo.

È una tecnica innovativa, flessibile e molto versatile, che permette di ottenere un taglio pulito e preciso, con una buona finitura del bordo.
Inoltre il taglio ad acqua è una tecnica che risolve le problematiche correlate ai materiali di spessore maggiore ed evita deformazioni o contaminazioni chimiche e fisiche dei materiali lavorati.

Ecco quindi le principali lavorazioni lamiere, ognuna con uno scopo ben preciso, e ognuna con determinate richieste di caratteristiche della lamiera. È proprio grazie a queste diverse lavorazioni che possiamo avere i tantissimi oggetti di uso quotidiano ed industriale .

 

{lang: 'it'}

 

Autore: admin

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, oppurre linka questo articolo dal tuo sito.

Vi preghiamo, solo commenti seri e puliti, NO spam, grazie!

 

Copyright © 2011/12 - Powered By Siti Web Lucca