< Vino Rosso NeroSanlorè: storia e caratteristiche organolettiche | Scrivi e Guadagna - Web Marketing News

Home » Gastronomia

Vino Rosso NeroSanlorè: storia e caratteristiche organolettiche

13 febbraio 2018Autore: admin 233 views Nessun commento

Il vino rosso NeroSanlorè è un vino di particolare complessità e raffinatezza.

La trama affusolata e suadente è perfettamente corrispondente ad un naso molto sfaccettato e mutevole, dato dal timbro iodato per la grande vicinanza del mare che hanno i vitigni che vengono coltivati per la produzione di questo vino rosso.

La vigna

Vigna San Lorenzo si estende per circa 2,5 ettari nell’omonima contrada, a soli 10 metri di altitudine e 700 dal mare, per questo i vitigni risentono l’influenza del mare pià di ogni altra cosa.

Il clima è temperato-caldo mediterraneo.

Le viti coltivate ad alberello vengono impiantate con una densità di 7000 piante per ettaro.

Il terreno è di grana particolarmente fine ed omogeneo, con alta percentuale di sabbia frammista ad argille brune. Le viti non irrigate, superano tutte i 40 anni e danno una resa naturale che non supera i 40 quintali ad ettaro.

vino rosso

Vinificazione e affinamento

Dopo la metà di settembre viene eseguita la vendemmia delle uve, poi vengono vinificate in rosso con lunga macerazione del mosto con le bucce.

Dopo la malolattica, il vino viene messo in piccole botti da 500 e 225 litri dove rimane per circa 24 mesi.

A seguito dell’imbottigliamento si procede con un periodo di affinamento in bottiglia di circa due anni.

Abbinamenti gastronomici

Il Nerosanlorè è un vino rosso tra i Nero d’Avola, più marino e con spiccate sensorialità.

La sua particolarità aromatica lo rende un vino rosso perfetto per pescato in salsa e saporite zuppe di pesce; molto gradito e ricco l’abbinamento con primi mediterranei elaborati nei quali si possono incontrare pomodoro, erbe, capperi e olio d’oliva; perfetto con verdure e pesce azzurro.

Passando al abbinamento del vino rosso Nerosanlorè, alla carne, vi consiglio di provare quelle più profumate, come un buon agnello o una carne tenera di capretto da latte; ottimo anche con formaggi di media stagionatura.

Per assaporane appieno tutti i suoi profumi e sapori, consiglio una temperatura di servizio non oltre 18 gradi.

I vitigni

Il vino rosso Nerosanlorè è composto 100% da Nero d’Avola che lo possiamo considerare il vitigno a bacca rossa più tipico e rappresentativo della Sicilia.

Il sinonimo Calabrese è infatti un italianizzazione del nome dialettale, “Calaurisi”, che letteralmente significa “uva (cala) di Avola (aurisi)”. In tutte le forme, vi è un riferimento costante al paese di Avola, comune in provincia di Siracusa,che indica la selezione del vitigno ad opera dei coltivatori di quella zona.

Successivamente si è diffuso negli altri comuni del Val di Noto, nel Ragusano e nel Calatino e solo recentemente, in tutta la Sicilia.

Le vigne di Nero d’Avola, se coltivate secondo le tecniche tradizionali affinatesi nella storia per affrontare il torrido clima della zona senza ricorrere all’irrigazione, possono dare grandi vini rossi da invecchiamento, come il vino rosso Nerosanlorè.

La pienezza aromatica è denotata dalla ricchezza del frutto scuro maturo che rivela la sua impronta più autentica con le note di pomodori secchi, note di caffè, spezie ed humus, legate da un ampio sentore olfattivo mediterraneo e di salmastro.

Alla bocca, corrisponde una sensazione densa e dolce, carruba e china, olive nere e zenzero lo accompagnano ad una acidità sempre vivace che chiude con una nota sapida, particolarmente duratura che lo rende un vino rosso complesso e stupefacente.

La tenuta Gulfi

La Tenuta Gulfi è un’azienda che conta oggi circa 70 ettari vitati nei migliori territori della Sicilia orientale, con un lavoro iniziato nel 1996 il testimone della tradizione vinicola Vito Catania ha lavorato con idee innovative all’accrescimento e allo sviluppo di questo patrimonio di terre già esistenti, introducendo anche la collaborazione di Salvo Foti.

Tutti i vini prodotti provengono da vecchie vigne nelle contrade più rinomate della Val di Noto e qui nascono i vini rossi Cru dell’azienda come il vino rosso Nerosanlorè, Nerobaronj, Nerobufaleffj e Neromaccarj, che esprimono appieno il territorio che le genera.

{lang: 'it'}

 

Autore: admin

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, oppurre linka questo articolo dal tuo sito.

Vi preghiamo, solo commenti seri e puliti, NO spam, grazie!

 

Copyright © 2011/12 - Powered By Siti Web Lucca