< Tutto sulle protesi dentali, scegli quella che fa per te | Scrivi e Guadagna - Web Marketing News

Home » Bellezza e Salute, Medicina e Scienza, Salute e benessere

Tutto sulle protesi dentali, scegli quella che fa per te

17 febbraio 2017Autore: admin 88 views Nessun commento

Le protesi dentali sono dispositivi odontoiatrici che hanno lo scopo di ripristinare la funzionalità dentaria ed estetica di una persona edentule, ovvero priva completamente o parzialmente dei denti come risultato di traumi, malattie o dell’età. Le protesi dentali esistono da moltissimo tempo e si sono evolute insieme alla pratica dentistica, migliorando sempre di più in seguito alla scoperta di nuovi materiali, nuove tecniche operatorie e nuove opzioni terapeutiche. Le protesi dentali quindi sostituiscono i denti naturali persi con denti artificiali che sono assolutamente indistinguibili dai denti veri; in caso alcuni denti naturali siano rimasti in sede, i denti protesici sono adattati in modo da armonizzarsi con quelli rimanenti.

In generale, le protesi dentali possono essere suddivise in protesi fisse e protesi mobili. Le protesi mobili (chiamate comunemente dentiere) sostituiscono l’arcata dentaria o una sua parte e possono essere rimosse dal paziente per le normali pratiche igieniche; una protesi dentale fissa invece è definitiva e quindi non rimovibile, come ad esempio ponti, corone, faccette ed impianti dentali cementati. A loro volta, le protesi mobili e fisse sono suddivise in ulteriori categorie. Le protesi mobili infatti possono essere:

  • Parziali. Sostituiscono solo i denti perduti e sono ancorate per mezzo di ganci agli elementi naturali residui, ad esempio denti o impianti. Una protesi parziale richiede uno o più denti artificiali dove ancorarsi, per ottenere migliore stabilità. Purtroppo le protesi parziali nel corso del tempo minano la stabilità dei denti naturali cui sono ancorate, perchè scaricano la forza masticatoria su di essi.
  • Totali. Le protesi mobili totali sostituiscono un’intera arcata, superiore o inferiore o entrambe, appoggiandosi alle mucose e all’osso. La protesi totale mobile è un ottimo compromesso sia dal punto di vista funzionale che economico, in quanto ripristina ottimamente la funzione masticatoria; può essere realizzata in ceramica o resina. La protesi mobile tuttavia non impedisce il riassorbimento osseo, un processo graduale e irreversibile che porta alla modificazione della base ossea dove poggia la dentiera.

Esiste una tipologia di protesi a metà tra fissa e mobile: si tratta della protesi combinata, che presenta una parte fissa (l’impianto dentale in titanio fissato nell’osso, non rimovibile) e una parte mobile (la dentatura si aggancia all’impianto e può essere rimossa). Questa soluzione non scarica la forza masticatoria sui denti rimasti e quindi è una soluzione particolarmente avanzata.

Le protesi fisse invece possono essere:

  • Fisse su impianti. Sia i singoli denti che intere arcate possono essere sostituite da elementi protesici che vengono collegate a pilastri in titanio, che a loro volta sono inseriti ed integrati nelle ossa mascellari e mandibolari. Questa tecnica implantologica ad oggi è considerata la migliore; richiede una matrice ossea di buona densità per permettere l’integrazione delle viti in titanio.
  • Protesi avvitate e cementate. Dopo aver posizionato l’impianto in titanio, le protesi vengono fissate alla vite tramite viti o cemento. La scelta dipende dalla situazione del paziente; sicuramente la possibilità di rimuovere la protesi che è provvisoriamente cementificata è un vantaggio. Dopo la cementificazione definitiva infatti le protesi non si possono più rimuovere.
{lang: 'it'}

 

Autore: admin

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, oppurre linka questo articolo dal tuo sito.

Vi preghiamo, solo commenti seri e puliti, NO spam, grazie!

 

Copyright © 2011/12 - Powered By Siti Web Lucca