< Lampadari e sala pranzo: come scegliere il modello giusto | Scrivi e Guadagna - Web Marketing News

Home » Ambiente e Architettura

Lampadari e sala pranzo: come scegliere il modello giusto

27 ottobre 2015Autore: ciro 492 views Nessun commento

sospensioniLe opzioni per quanto riguarda la scelta dei lampadari, all’interno del segmento dell’illuminazione, sono davvero molteplici e tutte orientate per poter consentire all’utente di diversificare gli acquisti in base a tantissimi parametri. Uno dei fattori da considerare quando ci si appresta ad acquistare un nuovo elemento d’illuminazione è senza altro la stanza nel quale verrà utilizzato e tra tutti gli ambienti casalinghi la sala pranzo gioca un ruolo primario essendo forse il punto del proprio appartamento più vissuto ed utilizzato da tutte le famiglie, a prescindere dalla tipologia e l’ampiezza del nucleo.

Come scegliere quindi i lampadari per la sala da pranzo? Per effettuare la scelta migliore rispetto esigenze, costi e modelli, è opportuno seguire alcuni semplici consigli che possono indirizzare nella scrematura delle opzioni fornendo un esiguo numero di modelli tra i quali orientarsi sapendo di scegliere, alla fine dei conti, sempre gli elementi adatti al proprio fabbisogno di luce, oltre che in linea col proprio gusto per l’arredamento alla luce di quanto il design ed il colpo d’occhio siano sempre più in cima ai fattori considerati dagli utenti nei moderni arredamenti.

Il primo aspetto è di natura valutativa, i lampadari rappresenta infatti il fulcro luminoso della stanza nella quale verranno collocati e per tale ragione prima di acquistarlo bisogna effettuare una valutazione della metratura disponibile, inclusiva anche di finestre e spazi eventualmente aperti, cercando di considerare l’impatto che la luce artificiale può avere con quella naturale. Sovraccaricare di luminosità un’area non è una delle corrette pratiche d’arredamento ed illuminazione, in tal senso esistono varie opzioni come le luci diffuse, le graduali o persino delle luci d’intensità ridotta distribuite lungo ampie superfici integrando il supporto del lampadario con applique e lampade da terrà collocate nei punti marginali.

A questo punto entra in gioco lo stile, sebbene il mercato offre tantissime opportunità in termini di materiali e design, le forme incidono tantissimo sulla diffusione luminosa e vincolano i lampadari a diverse qualità di resa che ovviamente consigliamo di valutare in base al numero di lampadine integrate. Oltre ai classici modelli, con una luce centrale, esistono infatti modelli strutturati sui binari con faretti omogeneamente distribuiti, oppure modelli curvi con specifici punti fulcri orientati su più lati, celando una diversa resa dietro lo stile proposto.

L’elemento finale è infine rappresentato dal prezzo, l’indicazione valutativa non è infatti una rappresentazione dell’effettivo valore del prodotto che ci si appresta ad acquistare bensì un mix di varie componenti che possono assumere pesi diversi in base alle priorità dei consumatori. Se il design ed i materiali contribuiscono in modo netto a stabilire il valore, non bisogna dimenticare come anche la firma – ove presente – giochi un ruolo primario per incrementare il costo del lampadari che in molti di questi casi vantano anche un numero di produzione limitato trasformando l’elemento d’illuminazione in un oggetto da collezione da usare e sfoggiare nel proprio appartamento.

Ogni singolo aspetto va considerato in base alle proprie esigenze, ogni lampadario può quindi essere utile per com’è strutturato, ma tale utilità varie in base all’utente, alla casa ed al budget personalizzando le scelte.

{lang: 'it'}

 

Autore: ciro

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, oppurre linka questo articolo dal tuo sito.

Vi preghiamo, solo commenti seri e puliti, NO spam, grazie!

 

Copyright © 2011/12 - Powered By Siti Web Lucca