< Alitosi: origine e cause | Scrivi e Guadagna - Web Marketing News

Home » Salute e benessere

Alitosi: origine e cause

13 agosto 2019Autore: admin 39 views Nessun commento

L’alitosi è definita come l’insieme di odori sgradevoli che vengono emessi attraverso la bocca. È un problema che colpisce una persona su due.

È considerato un problema sociale legato alla scarsa igiene orale o alle malattie del cavo orale, sebbene a volte possa essere una manifestazione di qualche altra patologia.

ORIGINE
A seconda della loro origine, esistono due tipi di alitosi: alitosi orale e alitosi extraorale.

  • L’alitosi orale proviene dalla stessa cavità orale ed è principalmente dovuta (nel 41%) all’accumulo di biofilm orale (placca batterica) nella lingua. Anche se può anche essere causato da altre situazioni come: problemi parodontali, carie, fumo, tra gli altri. Secondo numerosi studi scientifici, l’alitosi orale corrisponde al 90% dei casi.
  • Quando l’alitosi ha origine al di fuori della cavità orale, si chiama alitosi extraorale. È principalmente dovuto a disturbi sistemici, tratto respiratorio superiore / inferiore, sistema digestivo, nonché malattie del fegato o dei reni. E questo corrisponde al 10% dei casi.

CAUSE
La produzione di sostanze maleodoranti, i composti solforati volatili più frequenti (CVS), è associata ai prodotti derivanti dalla degradazione del metabolismo dei batteri, generalmente batteri anaerobici gram-negativi, che si trovano principalmente nella zona posteriore del retro della lingua e in altre posizioni come borse parodontali.

alitosi

Le cause dell’alitosi orale possono essere patologiche e non patologiche.

Quelle non patologici sarebbero:

  • Alito mattutino: durante il sonno il flusso di saliva diminuisce, ciò facilita la crescita incontrollata di batteri che producono gas odorosi.
  • Età: la qualità del respiro cambia con l’età. È probabile che gli anziani subiscano cambiamenti regressivi nelle ghiandole salivari e influenzino la qualità e la quantità di saliva, anche con una buona igiene orale.
  • Protesi dentarie: protesi dentarie e ponti possono accumulare detriti alimentari. Se lasciato durante la notte, viene prodotto un odore sgradevole e caratteristico.
  • Farmaci: esistono farmaci che producono xerostomia (secchezza delle fauci), come anticolinergici, antidepressivi, ecc. La saliva favorisce la pulizia della cavità orale e riduce il cattivo odore.
  • Tabacco: il fumo crea un alito caratteristico che può durare ancora qualche giorno, anche dopo aver smesso di fumare.
  • Periodi di digiuno: saltare i pasti e seguire una dieta ipocalorica può favorire l’alitosi.
  • Dieta: dopo l’assunzione di alcuni alimenti (cipolla, aglio) o il consumo di alcol, alcuni metaboliti possono essere assorbiti a livello gastrointestinale, passare nella circolazione, metabolizzati nella mucosa e nel fegato e espulsi dai polmoni.

    Le cause patologiche:

  • Malattia parodontale, carie.La scarsa igiene orale, la mancanza di eliminazione del biofilm orale (placca batterica), provoca la crescita batterica. I luoghi in cui i batteri si accumulano di solito sono la lingua, gli spazi interprossimali, l’area sottogengivale, gli ascessi. La lingua è la posizione più predominante dei batteri anaerobici nella bocca.
  •  

    Cause ulcerative: ulcere traumatiche e infettive, stomatite.

  • Faringe: infezioni virali, batteriche o fungine.
  • Radioterapia e necrosi della chemioterapia in pazienti con neoplasie.
  • Le cause dell’alitosi extraorale potrebbero essere: nasale (sinusite), malattie digestive, malattie respiratorie, malattie sistemiche (diabete mellito scarsamente controllato, infezione renale, disfunzione epatica, sindrome di Sjögren, artrite reumatoide, ecc.).
{lang: 'it'}

 

Autore: admin

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento, oppurre linka questo articolo dal tuo sito.

Vi preghiamo, solo commenti seri e puliti, NO spam, grazie!

 

Copyright © 2011/12 - Powered By Siti Web Lucca